Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

    L’Ambasciatore Trichilo alla CAN di Capodistria

    CAPODISTRIA | È stato lo storico Palazzo Gravisi-Buttorai a ospitare ieri la visita di cortesia dell’Ambasciatore d’Italia in Slovenia, Paolo Trichilo, alla Comunità Autogestita della Nazionalità Italiana di Capodistria, rappresentata dal presidente, Fulvio Richter e dal vicepresidente, Alberto Scheriani. L’Ambasciatore, affiancato dal Console generale d’Italia a Capodistria, Giuseppe D’Agosto, ha voluto incontrare la CAN per sentire in prima persona la situazione dopo le elezioni amministrative del novembre scorso. Scheriani e Richter hanno informato ampiamente gli ospiti sullo stato delle cose e principalmente sui progetti messi in cantiere in armonia con il programma elettorale che è stato appoggiato da un importante 67 per cento degli aventi diritto al voto. Ampiamente si è parlato anche della situazione venutasi a creare a Capodistria con la diatriba sulla nomina del vice-sindaco italiano, viene rilevato nel comunicato diffuso al termine dell’incontro. Da ambo le parti è stato messo in risalto che ciò è dovuto in primo luogo alle norme legislative in vigore. Scheriani e Richter hanno rilevato che in questo mandato dovranno essere affrontate tali incongruenze per porvi rimedio con l’apporto del deputato della CNI al Parlamento di Lubiana, Felice Žiža, delle CAN – sia di quella Costiera sia di quelle dei quattro comuni bilingui, Ancarano, Capodistria, Isola e Pirano –, per giungere – così ancora il comunicato – a delle norme legislative quanto più armonizzate e condivise. L’Ambasciatore Trichilo ha appoggiato quanto espresso dalla CAN di Capodistria ribadendo che il tutto deve essere preparato attentamente e scrupolosamente in quanto il fine ultimo è solamente la tutela della Comunità Nazionale Italiana e della sua soggettività, che non deve essere in alcun modo politicamente strumentalizzata.
    Da ribadire che in mattinata l’Ambasciatore Trichilo si era incontrato con il nuovo sindaco di Capodistria, Aleš Bržan.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Mercoledì, 13 Marzo 2019 09:51