Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

    Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/editfi5/public_html/editnews/components/com_k2/models/item.php on line 763

    Zara. Daruvarac condannato a 5 anni

    Davor Kovacevic Daruvarac viene tradotto in carcere subito dopo la lettura della sentenza Davor Kovacevic Daruvarac viene tradotto in carcere subito dopo la lettura della sentenza Dino Stanin/Pixsell

    Cinque anni. È questa la pena inflitta a Davor Kovacevic Daruvarac, il malvivente che ha massacrato di botte la 18.enne Lorena, la scorsa estate in un locale di Zara.
    Il 31.enne è stato subito trasferito in carcere dove sconterrà la condanna.
    La ragazza malmenata, presente in aula alla lettura della sentenza, non ha rilasciato dichiarazioni, mentre sua madre alla domanda se è soddisfatta della condanna, ha risposto : "Non lo so".
    La lettura della condanna mette fine a un processo che ha avuto vasta eco tra l'opinione pubblica  proprio per l'inaudita violenza con cui Daruvarac ha picchiato la ragazza e specie, come si riteneva, per il fatto che l'aggressore sembrava potesse cavarsela al cospetto di un sistema giudiziario che troppo spesso in passato, in altri casi, ha dimostrato le sue lacune.
    Il  13 giugno  2018 verso le 21,  quando la vittima si è presentata nel locale, Daruvarac senza motivo alcuno l'ha colpita  violentemente alla nuca, quindi  l'ha trascinata nella toilette accusandola di tradirlo: sono partiti due-tre ceffoni e poi volendo provocarle ferite gravi ha iniziato a colpirla con pugni al volto. Un'altra persona è entrata nel WC dicendo che se continuava così l'avrebbe ammazzatta. „È quello che voglio",  è stata la risposta.

    La lettura della condanna da parte del giudice Mitra Meštrović, per l'esiguo numero di posti in aula,  è stata possibile solo di froni ai giornalisti dei media elettronici. Mentre le motivazioni della condanna sono state lette a porte chiuse senza presenza dei media.

    Mercoledì Daruvarac con un colpo di scena imprevisto si è dichiarato colpevole, atteggiamento spiegato dal fatto secondo cui il nuovo avvocato della difesa Boris Radman ritiene, chel'ammissione di colpa sia  un'attenuante.


    Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/editfi5/public_html/editnews/templates/ts_news247/html/com_k2/templates/default/item.php on line 285
    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Giovedì, 10 Gennaio 2019 15:07