Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

    Galeb, al via il restauro

    By pvm Novembre 30, 2018 215
    Galeb, al via il restauro Željko Jerneić

     I primi risultati del restauro della motonave Galeb del maresciallo Tito sono stati presentati  al Museo Civico di Fiume e riguardano il mobilio che arredava gli appartamenti di Tito e della consorte Jovanka, come pure quelli della sala di ricevimento. I lavori di restauro sono stati effettuati dall’Istituto di conservazione di Fiume.
    Il progetto di restauro della motonave di Tito rientra nel piano della “Valorizzazione dei monumenti dell’eredità industriale a fini turistici”, il cui portatore è la municipalità di Fiume, in collaborazione con l’Ente per il turismo cittadino e con l’Università di Fiume. In quest’ambito il compito del Museo Civico consisterà nel definire il concetto e la strutturazione dell’allestimento della mostra permanente negli interni della “Galeb”, che metterà in esposizione oggettistica, fotografie e filmati d’archivio. In sinergia con l’Istituto per la conservazione, il Museo effettuerà l’inventario, la conservazione e il restauro degli arredi, suppellettili e dei vari oggetti presenti in loco. Il Museo Civico ha già preso in consegna i mobili, gli apparati tecnici e la documentazione tecnica che si custodivano sulla motonave.
    Gli arredi presentati riguardano soprattutto la passeggiata in coperta, luogo in cui si creava la politica del tempo e che ospitò innumerevoli Capi di stato, specie dei Paesi non allineati (e non), quali Nehru, Naser, Selassie, Sukarno, Brežnjev, Hruščov, Indira Gandhi, Gheddaffi e tanti altri.
    I lavori di restauro dei mobili riguardano la tappezzeria, i legni, ma anche la sostituzione di vetrate, maniglie e chiavi, che sono stati effettuati da Svjetlana Chris Dokić.
    Ricordiamo che la “Galeb”, ex bananiera italiana affondata nel porto di Fiume, venne recuperata nel 1948. I progetti di ricostruzione della motonave come pure il design degli interni vennero affidati all’ufficio di progettazione “Brodoprojekt”. Nel 1960 la “Galeb” venne sottoposta nel cantiere polese “Uljanik” a un radicale rifacimento della coperta nella parte posteriore, mentre il salone di ricevimento, con annessa la sala da pranzo e la passeggiata in coperta nella parte anteriore, furono ampliati. Il progetto degli interieur fu affidato all’ingegnere Zlatko Lah, noto professionista nel campo della realizzazione d’interni.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Venerdì, 30 Novembre 2018 23:28