Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
    ad Top header

    Giovanni Agnoloni alla CI spalatina

    SPALATO | Lo scrittore, traduttore e blogger italiano Giovanni Agnoloni ha soggiornato a Spalato nell’ambito del programma Writers in residence. Un progetto, quest’ultimo, curato dall’associazione spalatina Kurs. Nel corso della sua permanenza nel capoluogo dalmata, Agnoloni ha visitato la Comunità degli Italiani “Don Francesco Carrara”. Oltre agli attivisti del sodalizio, all’incontro ha partecipato pure un gruppo di alunni del Secondo ginnasio di Spalato, accompagnati dalla prof.ssa, Katarina Babarović.
    Ai connazionali e ai ragazzi lo scrittore ha parlato delle sensazioni suscitate in lui dal viaggio in Dalmazia. Ha illustrato le peculiarità della sua opera letteraria e ha letto ai presenti alcuni passaggi del suo romanzo “Sentieri di notte”. Una storia figlia della poetica del connettivismo e di una lunga ricerca spirituale che mira al ritorno alla fonte, a una fusione con la radice dell’essere. Un viaggio viscerale tra l’ombra e la luce, ambientato nell’Europa del 2025. Agnoloni – che ha donato una copia del libro alla ricca biblioteca della CI di Spalato –, è una delle firme più talentuose della letteratura distopica sulla fine di Internet, nonché un apprezzato autore di saggi sulle opere di J.R.R. Tolkien.
    Lo scorso settembre, a Traù (Trogir), nell’ambito del Festival internazionale del cinema, della musica e del cibo del Mediterraneo Bokun (21-22 settembre 2018), un’intera serata è stata dedicata al connubio tra la cucina mediterranea italiana e croata. A rappresentare l’arte culinaria italiana è stata Rossela Vujević, socia della CI di Spalato, che ha ammaliato i presenti con uno dei piatti romani per antonomasia: i rigatoni all’amatriciana. A fianco delle squisitezze preparate da Rossela Vujević, ai presenti sono state servite anche le leccornie preparate dagli attivisti dell’associazione carnascialesca Rašpin Jute di Traù. Nel corso della serata è stato proiettato un film muto italiano del 1915 intitolato “Assunta Spina”. A fare da colonna sonora della serata sono stati, invece, i ritmi italiani scelti da DJ Dupli, al secolo Damir Duplančić. 

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Sabato, 06 Ottobre 2018 09:39