Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

    2019 all’insegna delle novità

    2019 all’insegna delle novità Goran Žiković

    Approvati da pare dell’Assemblea dell’Unione Italiana il Programma di lavoro e Piano finanziario provvisorio per il 2019, con entrate pari a 5.400.759 euro. Scuole, istituzioni, comunità e giovani, al centro del documento che come spiegato dal presidente della Giunta Esecutiva Marin Corva ha una forte impronta di novità. “Abbiamo ristrutturato completamento il Piano – sottolinea Crova – adottandolo a quelle che sono le linee programmatiche della nuova Giunta, togliendo vecchi capitoli e creandone dei nuovi che rispecchiano le nostre linee programmatiche”. Come detto dallo stesso Corva, “vengono mantenute tutte le voci tradizionali che sono essenziali per il funzionamento delle nostre istituzioni, mantenendo i finanziamenti necessari per l’EDIT, per il CRS, per il Dramma Italiano e per le altre istituzioni e, ovviamente, anche per l’Unione Italiana”.

    Vengono mantenuti quelli che sono i finanziamenti classici per le comunità e le scuole, e vanno ad aumentare sia il fondo valorizzazione sia il capitolo scuole. “Il Fondo promozione – spiega Corva – è stato aumentato in modo cospicuo riportandolo ai livelli degli importi tradizionali prima dell’anno corrente”. Per quanto riguarda il resto delle voci del settore Comunità e del settore Scuole vengono inserite alcune nuove voci, tra le quali quella relativa alla valorizzazione delle eccellenze, “ideata per dare la possibilità alle classi inferiori gli stessi diritti di quelle superiori con queste ultime che godono di finanziamenti particolari per valorizzare i ragazzi più bravi”. I connazionali sono al centro dell’operato della Giunta e l’intenzione del presidente Corva è di creare i presupposti per quanti più incontri tra i connazionali. “Abbiamo inserito una voce per un raduno dei connazionali in piano il 16 luglio quando si celebra la giornata dell’Unione Italiana, durante la quale verranno consegnati premi ad esponenti della CNI per l’opera omnia”, annuncia il presidente della GE.

    Giovani e imprenditori

    Le grandi novità riguardano i nuovi capitoli, quello dei giovani, degli imprenditori e delle questioni amministrativo giuridiche, “che ci consentiranno di dare il giusto appoggio ai nostri giovani, finanziando sia le attività portate avanti dalle singole comunità, ma anche quelle attività che farà l’Unione”. Stessa cosa per gli imprenditori. “Per questo capitolo abbiamo messo a disposizione 25.200 euro, il che ci consentirà di creare momenti d’incontro tra i nostri imprenditori connazionali”, sottolinea Corva annunciando la convocazione dell’Attivo degli imprenditori della CNI, fermo da anni, dopo capodanno. Il settore amministrativo giuridico andrà a valutare gli atti interni dell’Unione e sarà a disposizione delle comunità. “Per quanto riguarda la seduta dell’Assemblea – dice Corva – secondo me è andata benissimo. Il piano proposto dalla Giunta è stato approvato con piccolissime modifiche che sono assolutamente condivisibili. Ora la speranza è che i nostri finanziatori riconoscano le nostre esigenze”.

    Entro febbraio piano assestato

    “Questo è un piano provvisorio – precisa il presidente della Giunta –, gli importi sono le nostre previsioni. Abbiamo tenuto conto dei desiderata dei beneficiari e in base a loro abbiamo impostato il Piano. Ora dobbiamo seguire attentamente i futuri passi dei vari finanziatori, in primis dall’Italia, Roma e FVG.
    Entro febbraio la Giunta preparerà un Piano assestato in sintonia con i finanziamenti che ci verranno assegnati, prendendo in considerazione alcune valutazione che stiamo facendo noi come Esecutivo, ma anche da quelle che ci arrivano dai beneficiari e dai membri dell’Assemblea”. Corva si dice fiducioso sull’anno a venire.
    “Abbiamo avviato come CNI – le sue parole – tutta una serie di rinnovi, da quello generazionale a tutta una serie di ripensamenti della nostra realtà. Spero vivamente che questo venga riconosciuto dai nostri finanziatori, per avere il giusto appoggio per portare avanti quelle iniziative che ci siamo prefissati. Vorrei avere l’opportunità di creare dei momenti d’incontro per i nostri giovani e i nostri imprenditori, due fasce molto importanti della nostra realtà che probabilmente non sono state valorizzate al meglio negli ultimi anni”.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Martedì, 01 Gennaio 2019 16:43