Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

    Verteneglio. L’Elogio va a Pierre Giovanni Bibalo

    By Denis Visintin Aprile 15, 2019 49

    VERTENEGLIO | È Pierre Giovanni Bibalo il laureato comunale di Verteneglio per il 2019. Il Consiglio comunale di Verteneglio ha conferito il massimo riconoscimento annuale comunale, l’Elogio, al giovane connazionale, alunno del Ginnasio classico di Pisino, ed ex alunno della Scuola elementare italiana di Buie – compresa la sezione periferica di Verteneglio – per il successo conseguito alla Gara nazionale di lingua italiana svoltasi recentemente a Zara. Il giovane ha conseguito il primo posto con 96 punti su 100. Nel salutare i presenti, e ringraziando per il concesso riconoscimento, Pierre Giovanni Bibalo, non ha mancato di ricordare i suoi insegnanti, Fiorenza Lakošeljac, Sandro Manzin, Arlene Kauzlarić, e la professoressa Sloković. La consegna del riconoscimento è avvenuta nel corso della seduta solenne del Consiglio comunale di Verteneglio, in ricorrenza della festa patronale e comunale di San Zenone. Il Consiglio comunale ha conferito anche tre targhe: la farmacista Barbara Halužan, è stata premiata per aver inaugurato a Verteneglio la sua farmacia, che sta portando avanti con successo, contribuendo all’elevazione dello standard sanitario locale. Patrick Božić, giovane idraulico e proprietario del servizio artigianale “Vodoinstalacije”, ha ricevuto la targa per il suo contributo allo sviluppo del settore artigianale. Marijan Sinčić, sta invece portando avanti con successo la sua bottega agraria, importante per una realtà dedita all’agricoltura. I riconoscimenti sono stati consegnati dal sindaco Paolo Klarić – affiancato dal vicesindaco connazionale Neš Sinožić nella consegna del riconoscimento a Pierre Giovanni Bibalo – e dal presidente del Consiglio comunale Igor Palčić.

    La seduta solenne del Consiglio comunale, svoltasi con protocollo bilingue nel Teatrino della Comunità degli Italiani, presieduta da Igor Palčić, è stata introdotta dal Coro misto del sodalizio che, diretto dal maestro Dario Bassanese, ha cantato gli Inni nazionale e regionale, esibendosi in seguito più volte, durante la serata.
    Numerosi gli ospiti, tra cui il Console generale d’Italia a Fiume, Paolo Palminteri, la vicepresidente connazionale della Regione istriana Giuseppina Rajko, il presidente dell’Unione Italiana, Maurizio Tremul, il presidente della Giunta esecutiva dell’Unione Italiana, Marin Corva, il presidente del Consiglio comunale di Visinada, la connazionale Neda Šainčić Pilato, i sindaci e i vicesindaci dei Comuni vicini, nonché altri esponenti della vita pubblica e il parroco di Verteneglio, Don Željko Rajičić. Auguri e congratulazioni sono arrivati, in forma scritta, anche dal deputato della Comunità Nazionale Italiana e vicepresidente del Sabor, Furio Radin.
    Nella relazione di circostanza, il sindaco Paolo Klarić si è soffermato sui successi conseguiti dalla sua amministrazione nell’ultimo anno e sui progetti in corso. Spicca l’approvazione dei Piani urbanistici di Verteneglio e di Covri, mentre è in preparazione quello di Fiorini. Verteneglio ha applicato diversi progetti ai concorsi europei, dai cui Fondi sono giunti finora 6,5 milioni di kune a fondo perduto, ed altri sostegni sono in arrivo.
    Tra poco inizierà la quarta fase di realizzazione del Centro dei sapori istriani e della tradizione del vino, che costerà 1 milione di kune, per la quale il Ministero del Turismo ha stanziato 400mila kune.
    ​Nell’ambito della tutela del patrimonio storico-culturale, si rinnoverà la rinascimentale statua della Madonna col Bambino, presso la Chiesa cimiteriale, con 56.312 kune erogate dal Ministero della Cultura che ha stanziato pure 100mila kune per il risanamento della Chiesa romanica di San Giorgio.
    Paolo Klarić non ha mancato di rilevare il supporto comunale all’educazione, all’istruzione, alla cultura, allo sport, e gli interventi nell’infrastruttura comunale.
    La giornata festiva era iniziata in mattinata, con la Santa Messa nella Chiesa di San Zenone. Alle 17, alla taverna Zenon è stata inaugurata la mostra artistica “A modo mio”, organizzata dalla Scuola dell’Infanzia “Calimero”.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Lunedì, 15 Aprile 2019 10:35