Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
    ad Top header

    Studenti del Primo ginnasio croato in visita all’EDIT

    Gradita visita ieri pomeriggio alla Casa editrice EDIT. Una comitiva formata da una ventina di studenti del secondo anno del Primo Ginnasio croato di Fiume ha fatto tappa nella nostra Casa editrice. Gli studenti, accompagnati dalla docente di italiano, nonché presidente della Comunità degli Italiani di Fiume, prof.ssa Melita Sciucca, sono stati accolti dal caporedattore del quotidiano “La Voce del popolo”, Roberto Palisca, il quale ha illustrato loro il processo di produzione, l’organizzazione del nostro giornale e le varie fasi di lavoro: dai collegi redazionali, alla definizione degli argomenti del giorno, passando per la fase operativa della redazione e del settore grafico, fino ad arrivare alla chiusura del giornale della sera.
    Infine, è stato il turno delle redazioni del mensile per ragazzi “Arcobaleno” e della rivista quindicinale “Panorama”.
    A suscitare in loro maggiore curiosità è stata ovviamente la visita alla redazione de La Voce, il cuore pulsante dell’EDIT.
    I ragazzi si sono così trovati davanti giornalisti al lavoro, telefoni che squillano, monitor dei computer che mostrano in anteprima le pagine e i testi che via via prendono forma, uno dopo l’altro, per costruire il giornale che domani sarà nelle edicole, negli uffici o nel salotto di casa.
    Non sappiamo se ciò farà scattare in loro la scintilla della passione verso questo mondo, ma la possibilità di toccare con mano almeno per un attimo una realtà finora sconosciuta, ci auguriamo, permetterà loro di avvicinarsi alle notizie in maniera più critica e consapevole. E questa, per noi, sarebbe già una piccola vittoria. 

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Venerdì, 09 Novembre 2018 14:20