Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

    Con Isabella Flego le memorie africane

    CAPODISTRIA| Si sono concluse ieri le Giornate degli studi umanistici dell’Università del Litorale, nell’ambito delle quali il Dipartimento di Italianistica ha ospitato Isabella Flego e le sue “Memorie da sopra l’Equatore”. A presentarla al giovane e attento pubblico è stata la professoressa Nives Zudič Antonič, che con l’autrice ha un rapporto particolare. “Ho incontrato Isabella Flego appena ho iniziato a lavorare. Mi è stata di grande aiuto per superare l’esame professionale, visto che al tempo è stata preside della scuola elementare “Pier Paolo Vergerio il Vecchio””, ha spiegato la Zudič Antonič. Isabella Flego ha vissuto l’esperienza africana per accompagnare il marito, Aurelio Flego, nominato al tempo direttore della “Tomos” in Ghana, fabbrica che dava lavoro alla gente del Paese. Nel ripercorrere i cinque anni trascorsi in quella realtà, Isabella Flego ha illustrato agli studenti i molteplici aspetti della vita nello Stato dell’Africa centrale, dagli artefatti conservati, al rapporto con la terra, al sistema scolastico. “Il percorso di educazione è incentrato sull’individuo. Ogni bambino viene trattato come un singolo universo. Nel caso di mio figlio è stato sorprendente apprendere che fosse ritenuto maturo per la scuola, quando ancora non aveva cinque anni. Ho deciso di non passare gli anni in Ghana da turista. Anche per questo non sono mai andata a trovare i bambini munita di macchina fotografica, come si usa fare”, ha precisato la Flego. Oltre al Dipartimento di Italianistica anche le altre sezioni della Facoltà di studi umanistici hanno preparato vari eventi, come la Serata letteraria degli studenti del corso di scrittura creativa, tenuto da Marcello Potocco, durante la quale sono stati presentati alcuni lavori inediti dei giovani scrittori. In programma non poteva mancare la “Maratona di studi umanistici”, una giornata di incontri su tematiche diverse organizzata dal Consiglio degli studenti della Facoltà. L’evento conclusivo delle Giornate degli studi umanistici ha visto la consegna dei diplomi di laurea di primo e secondo livello e dei riconoscimenti “Bartol” a studenti, ricercatori e docenti più meritevoli.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Venerdì, 12 Aprile 2019 14:06