Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

    Pazienti, violati i dati personali

    ISOLA| La notizia che una quantità non trascurabile di dati personali riguardanti le prescrizioni mediche e i risultati degli esami dei pazienti dell’Ospedale generale di Isola, risalenti all’inizio del 2016, fossero reperibili sul motore di ricerca Google ha sollevato parecchi interrogativi e perplessità nell’area costiera. Il Garante della privacy ha immediatamente avviato i provvedimenti e protetto la documentazione, esortando il nosocomio a rimuovere immediatamente il materiale in questione. L’informazione era trapelata qualche giorno addietro sul portale informatico sloveno Slo Tech. Secondo quest’ultimo, sembra che il sistema tecnologico informativo del nosocomio abbia pubblicato automaticamente online gli estremi dei pazienti. Dal momento che Google, così come altri motori di ricerca, indicizza automaticamente tutto il contenuto non protetto su piattaforme come WordPress, chiunque avrebbe potuto controllare lo stato di salute dei pazienti del Litorale.
    Le asserzioni sono state confermate anche dalle immagini pubblicate sul portale dei documenti. Dal nosocomio di Isola hanno precisato che non si è trattato di una fuga di dati dal proprio sistema informativo ospedaliero interno, bensì di un problema di vulnerabilità della sicurezza del sito web di prenotazioni online, abolito l’anno scorso. Su richiesta dell’Ospedale, Google ha già rimosso le informazioni. In casi simili, infatti, è di cruciale importanza la comunicazione tempestiva, affinché si possa intervenire. Un’analisi dettagliata dell’evento ha dimostrato che non ci sono state perdite di dati personali o di altro tipo dal sistema d’informazione ospedaliero interno.
    A causa dell’accaduto il Garante per la privacy ha avviato comunque un’ispezione nei confronti dell’Ospedale. Nel caso fosse stata violata la legislazione in materia di protezione dei dati personali, scatterebbero delle sanzioni. Dal Ministero della Salute hanno osservato che si è trattato di un episodio legato all’organizzazione interna dell’Ospedale di Isola e non di un problema a livello nazionale, legato al registro centrale.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Mercoledì, 13 Marzo 2019 10:36