Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

    Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/editfi5/public_html/editnews/components/com_k2/models/item.php on line 763

    Nel Canale di San Bortolo ore contate per il degrado

    PIRANO| Il 31 dicembre è scaduto il termine per rimuovere le imbarcazioni abbandonate nel Canale di San Bortolo. D’ora in poi sarà la Direzione nazionale per le acque a prendere in mano la situazione che da anni ormai altera il paesaggio di questo angolo istriano, in conformità con la decisione dell’Ispettorato per l’ambiente e la pianificazione territoriale. Nello scorso ottobre il ministro per l’Ambiente, Jure Leben, ha constatato di persona lo stato nel quale si trova il canale nei pressi di Sezza, promettendo di risolvere quanto prima la situazione di degrado. Poco dopo i responsabili della Direzione per le acque hanno invitato i proprietari delle imbarcazioni abbandonate, alcune praticamente affondate, a rimuoverle entro la fine dell’anno. Sino al termine indicato soltanto due, delle sedici complessive interessate dal provvedimento, sono state spostate.
    Il ministro Leben ha rilevato oltretutto che l’impegno per riportare il canale di San Bortolo a uno stato decente non si esaurirà a questo punto, ma altre iniziative sono annunciate nel breve periodo. Entro la fine di gennaio la rimozione delle imbarcazioni abbandonate sarà monitorata dal Ministero per l’Ambiente, che coprirà anche le spese per quelle senza proprietario, mentre i natanti con possessori noti dovranno saldare il costo della rimozione di tasca propria. Nella seconda fase, invece, dovrebbero proseguire le procedure di ispezione sulle imbarcazioni in disuso, mentre come ultime saranno ispezionate, invece, quelle che entrano ed escono dal canale in questione per verificare i permessi. Ricordiamo che già nel 2003 il governo si era impegnato ad avviare le procedure adeguate per l’attuazione del contratto di concessione per il Canale di San Bortolo, ma sinora non erano stati concretizzati gli accordi. La situazione rappresenta anche uno dei maggiori problemi ambientali nel Comune di Pirano che, di conseguenza, mette in cattiva luce l’eccezionale valore paesaggistico del Parco naturale delle saline di Sicciole.


    Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/editfi5/public_html/editnews/templates/ts_news247/html/com_k2/templates/default/item.php on line 285
    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Giovedì, 03 Gennaio 2019 14:05