Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
    ad Top header

    Per i candidati sindaco a Isola si può fare di più

    ISOLA | La poltrona di primo cittadino a Isola, lasciata vacante dopo otto anni da Igor Kolenc, è contesa da dieci candidati. I temi dei loro programmi, riassunti dall’Agenzia stampa slovena STA, fotografano la situazione della località e del suo entroterra. Molti dei candidati puntano su una maggiore tutela sociale dei cittadini, su agevolazioni per gli anziani e per le giovani famiglie. Grande importanza viene riservata al sostegno del Comune alla piccola imprenditoria e a una nuova offerta turistica, più interessante e mirata. I progetti tendono a realizzare questi punti programmatici. Vi trovano posto il Centro giovanile “Arrigoni”, la nuova Casa di cultura, una regolamentazione dei terreni agricoli in affitto e le infrastrutture che possono ospitare per finire con l’approvazione del rinnovato Piano urbanistico, già passato in Consiglio comunale in prima lettura nel luglio scorso, ma che ora va finalizzato. Ricorrente l’intenzione dei potenziali sindaci di cancellare il degrado esistente nel segmento tra il centro città e San Simone. Immancabili i richiami a un maggior dialogo tra la gente, ad ascoltare le necessità degli isolani, a unirli invece di dividerli ulteriormente. Nei programmi dettagliati non mancano i riferimenti all’entroterra agricolo, alle località che sorgono in collina, come Corte e Saredo. Le loro necessità riguardano i collegamenti stradali, ma anche la canalizzazione mancante e i parchi giochi per i più piccoli. Non mancano gli appelli a tenere in considerazione le effettive risorse finanziarie disponibili, riducendo ancora l’indebitamento. Revisioni vengono promesse per i grandi progetti da ambedue le parti del promontorio isolano per comprendere se sono realmente realizzabili senza deturpare l’ambiente e la struttura della periferia. Nel contesto rientra anche la valorizzazione dell’ex strada magistrale costiera, chiusa al traffico e in attesa di contributi che stimolino lo sviluppo dell’intera municipalità.

    Rate this item
    (0 votes)
    Last modified on Venerdì, 09 Novembre 2018 12:14